Tre giorni vissuti da eroi. Le voci dei protagonisti. Gela 10-12 luglio 1943

Tra il 10 e il 12 luglio del 1943 un uragano di fuoco si abbatté su Gela e su tutta la costa della Sicilia sud orientale. Una sanguinosa battaglia quasi ignorata dalla storiografia ufficiale che Salvatore Reale e Giovanni Iacono riportano alla luce in un libro che fornisce ulteriori dettagli alla vicenda. Il volume è frutto di un lavoro che coniuga la ricerca d’archivio con la ricostruzione condotta nei luoghi in cui avvennero i fatti.

Leggi il seguito

Il volo più lungo: Maddalena e Mattioli alla conquista del Baltico

La storia di una trasvolata compiuta nel 1920 dal Tenente Colonnello Umberto Maddalena e il giornalista Guido Mattioli. Un’impresa raccontata da Barbara e Davide Rocchi attraverso un percorso narrativo che grazie alla Società Italiana Aviazione Civile fa riemergere un’affascinante avventura per troppo tempo dimenticata: la trasvolata Sesto Calende-Helsinki

Leggi il seguito

10 giugno 1940: Mussolini entra in guerra. L’analisi di Matteo Luigi Napolitano

Lo storico dell’Università degli Studi del Molise e Direttore Scientifico del Museo Internazionale delle Guerre Mondiali riflette sull’ingresso dell’Italia nel Secondo conflitto mondiale dopo un anno di non belligeranza. “Fu un evento drammatico, che avrebbe condizionato il futuro della Nazione nei molti anni a venire”.

Leggi il seguito

La storia del cartografo della Regia Marina Luigi Garavoglia e lo Scoglio Ferale

Nel 1888, un cartografo della Regia Marina, durante alcuni rilievi sullo scoglio, scivolò in malo modo perdendo la vita. Era un tenente di vascello di nome Luigi Garavoglia.  I compagni d’arme attraverso un complicato sistema di verricelli, di cui sono ancora visibili le tracce, posero in sua memoria alla sommità dello scoglio, una croce di marmo bianco alta oltre due metri fissata con pesanti blocchi, sempre di marmo.

Leggi il seguito

IMI, una storia da riscoprire nel libro “Resta con me”

Un libro per non dimenticare gli IMI, gli Internati Militari Italiani, che dopo l’8 settembre 1943, dissero “No” al nazifascismo. “Resta con me” di Patrizia Figini intende far riscoprire al lettore la voce di questi uomini che si opposero, nella stragrande maggioranza, alle vessazioni dei propri aguzzini accettando volontariamente l’internamento in campi di concentramento pur di non venir meno al proprio onore.

Leggi il seguito