Gela

Reportage/Lo sbarco in Sicilia del 10 luglio 1943. La storia della battaglia di Gela.

Una storia nella storia quella dello sbarco degli Alleati in Sicilia che condusse alla liberazione dell’Italia dal nazi-fascismo. Un racconto in cui si intrecciano decisioni politiche, eventi bellici e vicende umane dentro quel dramma che porta con se ogni tipo di guerra. Testimoni del tempo a distanza di 70 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale non sono solo gli anziani che hanno vissuto la guerra, ma anche i luoghi e le pietre come quelle dei bunker, delle casematte e dei pillbox ancora oggi visibili all’occhio del viaggiatore che attraversa la Sicilia orientale.

Imi

IMI. La storia degli internati militari italiani

Una storia poco conosciuta, di resistenza e di amore per l’Italia quella degli IMI. Una sigla che significa Internati militari italiani, ma che vuol dire molto di più. 8 settembre 1943: l’Italia è divisa in due. Al nord la Repubblica Sociale Italiana alleata con i nazisti. A sud gli Alleati hanno già conquistato buona parte della penisola

Imi3

IMI. La storia degli internati militari italiani

Una storia poco conosciuta, di resistenza e di amore per l’Italia quella degli IMI. Una sigla che significa Internati militari italiani, ma che vuol dire molto di più. 8 settembre 1943: l’Italia è divisa in due. Al nord la Repubblica Sociale Italiana alleata con la Germania di Hitler. A sud gli Alleati anglo-americani e canadesi hanno già conquistato buona parte della penisola.

Corazzieri

7 febbraio 1868. La nascita dei Corazzieri

Un reggimento davvero speciale dell’Arma dei Carabinieri posto a difesa del Presidente della Repubblica. Era il 7 febbraio 1868 quando, per ordine del Ministero della Guerra, vennero concentrati a Firenze 80 Carabinieri a cavallo destinati come scorta d’onore al corteo reale che doveva formarsi allorquando la Principessa Margherita di Savoia, andando in sposa al Principe Umberto, sarebbe entrata solennemente in città.

Italia

“ITALIA” 90th Anniversary Memorial Conference. La spedizione al Polo Nord

L’uomo che fece la differenza nei giorni drammatici della “Tenda Rossa” durante la sfortunata spedizione del dirigibile Italia. Il sottufficiale della Regia Marina Giuseppe Biagi, da capo radiotelegrafista di 3ª classe, il 19 marzo partì da Ciampino con tutto l’equipaggio dell’aeronave per fare sosta a Baggio, in provincia di Milano. Poi il decollo il 15 aprile alla conquista del Polo Nord. Un’impresa che il generale della Regia aeronautica Umberto Nobile aveva già messo a segno nel maggio del 1926 raggiungendo per la prima volta il pack artico con il dirigibile N.1 Norge.