8 dicembre 1980: l’uccisione di John Lennon

L’8 dicembre di 35 anni fa il musicista e voce dei mitici Beatles John Lennon fu ucciso dai colpi di pistola sparati da un fanatico a New York. L’assassino si chiamava Mark David Chapman l’uccisione avvenne poche settimane dopo l’uscita di “Double Fantasy”, l’album del suo ritorno al lavoro, seguito al periodo dedicato a fare il papà per il suo secondo figlio Sean.

La star inglese, allora ex componente dei Beatles, era diventata un’icona dei temi dell’amore e della pace. Il suo legame e il successivo matrimonio con la cantante Yoko Ono aveva fatto scalpore. L’8 dicembre 1980 un fan gli scarica contro diversi colpi di pistola, sulla porta del palazzo in cui abitava a New York. Lennon è morto nel tragitto verso l’ospedale. L’assassino, Mark David Chapman, è stato condannato per omicidio.

Lennon_FBI_Files_after_hq11p1Intimoriti dalle sue prese di posizione “estremiste” a favore di personaggi della sinistra radicale come Angela Davis o John Sinclair che avevano un forte impatto sulla gioventù statunitense (l’età 18-21 aveva appena avuto accesso al voto), nel 1972 il governo Nixon e l’FBI iniziarono una massiccia campagna di discredito nei confronti di John Lennon (on Wiener, Dimmi la verità. Il Watergate del rock’n’roll. Il dossier dell’FBI su John Lennon, Selene, Milano, 2002, pagg. 7-12, ripreso in Sawyers 2010, pp. 303-11).

 

Author: GDS

Share This Post On